Torna indietro

06/04/2022

Ddl della montagna: incentivi per gli agricoltori e agevolazioni per gli under 35.

Approvato, in esame preliminare, un disegno di legge recante “Disposizioni per lo sviluppo e la valorizzazione delle zone montane”. Il Ministero degli Affari Regionali mette al centro la valorizzazione e lo sviluppo.

Il provvedimento, che ha visto l’ok lo scorso 10 marzo 2022 da parte del Consiglio dei Ministri, introduce “misure organiche finalizzate a favorire lo sviluppo economico e la ripresa di tanti territori montani che avranno l’opportunità di diventare sempre più una risorsa per il Paese”.

Sostenere la crescita dei Comuni montani e contrastarne lo spopolamento sono due fra i principali obiettivi di questa misura. Creare le condizioni affinché i giovani decidano di restare, in modo tale che gli oltre 4mila comuni che in Italia sorgono su territori montani oltre a un passato fatto di storie e tradizioni possano avere anche un futuro.

Il Ddl, in un testo unitario e sistematico, raccoglie tutti gli interventi normativi che mirano a ridurre le condizioni di svantaggio delle comunità montane e riguardano i seguenti punti:

  • Sanità di montana;
  • Scuole di montagna;
  • Servizi di telefonia mobile e accesso a Internet;
  • Incentivi agli imprenditori agricoli e forestali;
  • Misure fiscali di favore per le imprese montane “giovani”;
  • Misura “Io resto in montagna”.

Il finanziamento avverrà tramite il Fondo per lo sviluppo delle montagne italiane (Fosmit), in cui confluiscono le risorse del Fondo Nazionale per la montagna e del Fondo Integrativo per i Comuni montani per il quale l’ultima legge di bilancio ha previsto lo stanziamento di 100 milioni per il 2022 e 200 milioni dal 2023.

Di seguito i provvedimenti che riguardano gli agricoltori e gli under 35:

Agli imprenditori agricoli e forestali che esercitano la propria attività nei comuni (di cui all’articolo 2 Ddl) e che investono nel miglioramento delle pratiche di coltivazione e gestione benefiche per l’ambiente e il clima, spetta il riconoscimento di un contributo pari al 10% del valore degli investimenti effettuati negli anni dal 2023 al 2025, nel limite complessivo di spesa pari a € 4milioni per ciascun anno. Si tratta di un credito d’imposta cumulabile con altre agevolazioni per le stesse spese e utilizzabile in compensazione ai sensi dell’art. 17 D.Lgs. 241/97; non si applicano i limiti di cui all’art. 1 c. 53 L. 244/2007 e di cui all’art. 34 L. 388/2000.

Le piccole imprese e le microimprese individuate dalla Raccomandazione UE 2003/361/CE della Commissione (UE), del 6 maggio 2003, in cui il titolare o almeno uno degli esercenti non abbia compiuto 36 anni di età alla data di entrata in vigore della presente legge potranno essere i beneficiari della misura “imprese montane giovani”. Il provvedimento prevede che, dopo il 1° gennaio 2022, coloro che intraprendono una nuova attività nei comuni (di cui all’articolo 2 Ddl), per il periodo d’imposta nel corso del quale la nuova attività è intrapresa e per i due periodi d’imposta successivi, viene riconosciuto un contributo, sotto forma di credito d’imposta, in misura pari alla differenza tra:

  • l’imposta calcolata applicando le aliquote ordinarie al reddito derivante dallo svolgimento della predetta attività nei citati comuni, determinato nei modi ordinari e fino a concorrenza dell’importo di € 80 mila;
  • l’imposta calcolata sul medesimo reddito applicando l’aliquota del 15%.

Per ulteriori informazioni, contattateci a info@selfglobe.com o visitate i siti regionali dedicati ai Bandi.

Ultime News

13/05/2022

Micro, piccole e medie imprese agricole: al via il Fondo Investimenti Innovativi

Dal 23 maggio e fino al 23 giugno 2022, le imprese agricole potranno richiedere le agevolazioni del Fondo per gli investimenti innovativi relative alle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti.

Scopri di più

06/04/2022

Ddl della montagna: incentivi per gli agricoltori e agevolazioni per gli under 35.

Approvato, in esame preliminare, un disegno di legge recante “Disposizioni per lo sviluppo e la valorizzazione delle zone montane”. Il Ministero degli Affari Regionali mette al centro la valorizzazione e lo sviluppo.

Scopri di più

11/02/2022

La peste suina africana torna a diffondersi in Italia. Che cosa sta succedendo e cosa aspettarsi per il futuro.

Mentre continuiamo a difenderci da una pandemia che ci ha costretti a due anni di isolamento, c’è un angolo del Paese che si deve preoccupare di un virus che non colpisce gli umani ma che potrebbe comunque causare danni.

Scopri di più
Hai bisogno di maggiori informazioni o non stai trovando quello di cui hai bisogno?

Contatta Ilaria, la nostra responsabile area marketing e comunicazione, sempre a tua disposizione per rispondere a tutte le tue domande nella ricerca della soluzione o del prodotto più adatto alle tue esigenze e discutere sullo sviluppo di nuove soluzioni innovative e sempre all’avanguardia per il completamento dei tuoi progetti.

Richiedi un contatto